Archivi tag: spazi di calabi-yau

La forma dello spazio quantistico secondo Shing-Tung Yau

E’ stato detto più volte che la teoria delle stringhe viene considerata come la miglior teoria per descrivere tutte le leggi della natura, dal microcosmo al macrocosmo. Secondo questa teoria, l’Universo è caratterizzato da 10 dimensioni: quattro sono le dimensioni dello spaziotempo descritte dalla teoria della relatività e le restanti sei, dette anche dimensioni extra, sono arrotolate o attorcigliate in uno spazio multidimensionale le cui forme sono descritte dalle varietà geometriche degli spazi di Calabi-Yau le cui dimensioni sono milioni di milioni di milioni di volte più piccole di un elettrone. Nel 1976 Shing-Tung Yau ha conquistato la Medaglia Fields, una sorta di premio Nobel dei matematici, per aver dimostrato l’esistenza di queste forme complesse che portano il suo nome, spazi invisibili la cui geometria può essere la chiave definitiva per comprendere i segreti più profondi del cosmo. Nel suo libro che mi piace segnalare oggi “La forma dello spazio profondo. La teoria delle stringhe e la geometria delle dimensioni nascoste dell’universo“, edito da Il Saggiatore e scritto insieme al giornalista scientifico Steve Nadis, si ripercorrono le tappe del percorso scientifico che hanno portato Yau alla formulazione di una teoria rivoluzionaria introducendo una nuova geometria dell’Universo. L’ipotesi delle dimensioni extra, che tocca varie discipline quali la fisica, la matematica e la geometria, suggerisce non solo che i nuovi spazi possano essere effettivamente reali, ma che la realtà stessa risulta più affascinante di quanto noi esseri umani possiamo immaginare. Insomma, l’ipotesi delle dimensioni extra della teoria delle stringhe potrebbe essere la chiave per comprendere i segreti più nascosti dell’Universo.

Annunci