V404_Cygni

V404 Cygni, il buco nero si risveglia dopo 26 anni

Illustrazione del sistema stellare binario V404 Cygni. Il buco nero cattura la materia dalla stella compagna. Il materiale cade verso il buco nero e si accumula nel disco di accrescimento dove viene riscaldata fino a raggiungere temperature elevate emettendo radiazione nell’ottico, nell’UV e in banda X prima di essere risucchiata dal buco nero. Parte del materiale del disco non va a finire nel buco nero ma viene espulso nello spazio formando due getti relativistici. Credit: ESA/ATG medialab

Nel corso delle scorse settimane, il satellite dell’ESA Integral ha osservato un outburst eccezionale (cioè una emissione violenta di alta energia) prodotto da un buco nero stellare che sta catturando la materia dalla sua stella compagna. Lo scorso 15 Giugno, l’oggetto, di cui gli astronomi sono a conoscenza della sua emissione X e gamma, ha fatto il suo ritorno sul palcoscenico cosmico: stiamo parlando di V404 Cygni, un sistema stellare binario composto da un buco nero e da una stella compagna che orbitano l’uno attorno all’altra, localizzato a quasi 8000 anni-luce nella costellazione del Cigno. I primi segni di questa nuova attività sono stati rivelati dal Burst Alert Telescope, situato a bordo del satellite della NASA Swift, che ha catturato un improvviso burst di raggi gamma, il che ha fatto avviare subito le osservazioni con il telescopio a raggi X. Subito dopo, lo strumento MAXI (Monitor of All-sky X-ray Image), parte del Japanese Experiment Module a bordo della Stazione Spaziale Internazionale, ha osservato un flare X dalla stessa zona di cielo. Questi primi dati hanno fatto avviare una massiccia campagna di osservazioni con gli strumenti a terra e in orbita per monitorare l’attività di V404 a diverse lunghezze d’onda. Facendo parte di questa rete globale di osservazioni, anche il satellite Integral per raggi gamma ha iniziato a raccogliere dati a partire dal 17 Giugno.

Integral_V404
Le due immagini mostrano la stessa regione di cielo dove è localizzato il buco nero del sistema binario V404 Cygni, così come è stato osservato dallo strumento IBIS a bordo dell’osservatorio spaziale per raggi gammi Integral dell’ESA. Il 15 Giugno 2015, V404 Cygni ha iniziato a mostrare segni di una attività straordinaria. L’immagine in alto è stata ripresa il 19 Maggio 2015, prima del burst: V404 non è visibile e la sua posizione è indicata da una crocetta. L’immagine in basso, ripresa il 18 Giugno 2015, mostra V404 Cygni come una sorgente brillante. Nel campo di vista si notano Cygnus X-1 e Cygnus X-3, altre due sorgenti brillanti del cielo X. Credit: ESA/Integral/IBIS/ISDC – Carlo Ferrigno, Integral Science Data Centre, Geneva, Switzerland

Il buco nero di V404 Cygni non è stato così attivo e brillante dal 1989, quando venne osservato con il satellite giapponese Ginga in banda X e da alcuni rivelatori di alta energia a bordo della stazione spaziale MIR. Dal 15 Giugno, quando è stato rivelato dal satellite Swift il primo outburst, l’oggetto è rimasto molto attivo, tenendo gli astronomi molto occupati. Basti pensare che nel corso della scorsa settimana, diversi gruppi di varie parti del mondo hanno pubblicato più di 20 telegrammi astronomici e altre comunicazioni ufficiali, condividendo lo stato delle osservazioni a diverse lunghezze d’onda.

ESA: Monster black hole wakes up after 26 years

Un pensiero su “V404 Cygni, il buco nero si risveglia dopo 26 anni”

I commenti sono chiusi.