VLA_M32_bh

Il VLA trova un ‘timido’ buco nero in una galassia vicina

M32 è una piccola galassia satellite di Andromeda (M31). L’inserto è una combinazione di immagini radio/ottica/X di M32. Il color porpora diffuso è la luce visibile di M32. L’oggetto di color bianco è la regione centrale di M32 da dove proviene l’emissione radio e X. In rosso si nota l’emissione radio di alcuni oggetti tra cui una coppia presunta di nebulose planetarie (a sinistra) mentre in verde è mostrata la forte emissione X di un’altro oggetto. Credit: Bill Saxton, NRAO/AUI/NSF; Yang et al.; NASA, ESA, Digitized Sky Survey 2 (Acknowledgement: Davide DeMartin).

Grazie alla straordinaria sensibilità del radiotelescopio Karl G. Jansky Very Large Array (VLA), gli astronomi hanno rivelato l’emissione radio, cercata da molto tempo, proveniente da un buco nero supermassiccio che risiede nel cuore di una delle galassie più vicine: stiamo parlando di Messier 32.L’evidenza sull’esistenza del buco nero si è avuta in precedenza da una serie di studi relativi ai moti stellari nella galassia e dalle osservazioni X. M32 è una galassia ellittica nana, satellite di Andromeda, la nostra galassia più vicina. A differenza della Via Lattea e Andromeda, che sono galassie a spirale dove continua la formazione stellare, M32 è caratterizzata da una fertilità stellare minima ed è molto più piccola delle due.

NRAO: VLA Reveals “Bashful” Black Hole in Neighboring Galaxy

arXiv: Detection of a Compact Nuclear Radio Source in the Local Group Elliptical Galaxy M32