Kepler_116454b

HIP 116454b: no signal, no party!

Il primo esopianeta recentemente scoperto dalla missione Kepler-2 (K2) è stato osservato con l’Allen Telescope Array (ATA) allo scopo di cercare segnali radio che potrebbero fornire preziosi indizi dell’esistenza di civiltà extraterrestri tecnologicamente avanzate. Finora, però, non è stata rivelata alcuna trasmissione.

Denominato con la sigla HIP 116454b , si tratta di un pianeta extrasolare che orbita attorno ad una nana arancione di tipo spettrale K1 nella costellazione dei Pesci a circa 180 anni-luce dalla Terra. Jon Richards del SETI Institute’s Center for SETI Research, ha condotto una campagna di monitoraggio alla ricerca di segnali artificiali nell’intervallo di frequenze 1000-2250 MHz. HIP 116454b ha un’orbita tre volte più piccola di Mercurio ed impiega 9 giorni a descriverla. Ciò implica che la temperatura di questa super-Terra, ossia un pianeta roccioso le cui dimensioni sono una via di mezzo tra la Terra e Nettuno, sono estremamente elevate per ospitare eventuali forme di vita. Tuttavia, così come decenni di esperienza hanno dimostrato, le osservazioni a volte ci forniscono delle sorprese inaspettate ed è per questo che i nuovi esopianeti, sia che sembrano promettenti per la vita o meno, vengono abitualmente monitorati dall’Istituto SETI con l’Allen Telescope Array. Il passo successivo sarà ora quello di continuare ad “ascoltare” HIP 116454b a frequenze più alte.

SETI: No Signals from Newest Kepler Planet
arXiv: Characterizing K2 Planet Discoveries: A super-Earth transiting the bright K-dwarf HIP 116454