SETITalks_Marcy

Kepler, gli esopianeti e la ricerca SETI

La fantascienza ritrae la nostra galassia piena di pianeti abitabili, popolati da civiltà intelligenti che sono impegnate in una sorta di commercio interstellare, senza farsi mancare eventuali conflitti tra razze aliene diverse. Ma tornando alla realtà, i pianeti terrestri e la vita extraterrestre sono ancora elusivi.

Forse la fantascienza ci ha portato fuori strada? Nel 2009, la NASA lanciò il telescopio spaziale Kepler allo scopo di identificare le prime terre aliene in orbita attorno alle stelle. I risultati iniziali furono sorprendenti. Oggi, però, gli astrobiologi si stanno ponendo tutta una serie di domande: 1) Quanto sono comuni quei mondi alieni che possono essere adatti per lo sviluppo di eventuali forme di vita? 2) Quali sono le proprietà che rendono un pianeta abitabile? 3) Possiamo stimare qual è la probabilità che si sviluppi la vita nell’Universo, in particolare la vita intelligente? In questo video che fa parte della serie SETI Talks, lo scienziato planetario Geoff Marcy fa il punto sulla ricerca e mette in risalto come le nuove tecniche osservative, sia di tipo astrofisico che biologico, stiano fornendo le prime risposte a queste domande.