starburst_galaxy

Le galassie della serie… ‘rosse e inattive’!

Da sempre, gli astronomi stanno cercando di capire come mai le galassie giovani, dette starburst cioè quelle che stanno formando rapidamente nuove stelle ad un ritmo almeno 100 volte superiore rispetto alla Via Lattea, arrestano quei processi di formazione stellare per entrare a far parte di una categoria che gli scienziati chiamano “quelle rosse e inattive”. In genere, le galassie starburst derivano dalla fusione o dall’incontro ravvicinato di due galassie. In precedenza, alcune osservazioni di queste galassie hanno rivelato getti di gas verso l’esterno che si propagano con velocità dell’ordine di 3 milioni di chilometri all’ora. Ma agli astronomi mancava la prova diretta di ciò che espelle il gas, l’ingrediente fondamentale per la creazione di nuove stelle. Ora un gruppo di ricercatori, guidati da Gregory Rudnick dell’University of Kansas, ritengono di aver trovato alcune risposte al perchè le galassie giovani e compatte diventano una sorta di “rovine galattiche”. Grazie ad una serie di osservazioni condotte con i telescopi spaziali Hubble e Chandra, gli astronomi hanno trovato che l’energia prodotta dagli stessi processi di formazione stellare crea una mancanza di gas all’interno delle galassie starbust determinando perciò un arresto alla formazione di nuove stelle. I risultati di questo studio sono stati pubblicati su Monthly Notices of the Royal Astronomical Society.

University of Kansas: Research reveals the real cause of death for some starburst galaxies 

arXiv: Massive Compact Galaxies with High-Velocity Outflows: Morphological Analysis and Constraints on AGN Activity