LHC_view

LHC, in attesa del grande ‘risveglio’

Dopo la sorprendente scoperta della particella di Higgs del 2012 (post), che ha determinato l’assegnazione nel 2013 del Nobel per la Fisica a François Englert e a Peter Higgs, i fisici sono in trepidante attesa perchè sperano di imparare nuove cose nel momento in cui il Large Hadron Collider (LHC) entrerà nuovamente in funzione nel 2015 (post1; post2).

LHC_anelloCi sono, però, ancora alcune domande a cui fisici devono dare delle risposte. Ci si chiede, ad esempio, se il bosone scalare sia l’unica particella del suo genere, come prevede il modello standard, oppure se si tratta del membro più ‘leggero’ di una famiglia più numerosa di particelle di Higgs. Ma se esistono altre particelle di Higgs, alcune di esse potrebbero apparire a valori più alti dell’energia di collisione. Oppure, ad energie più elevate potrebbero apparire altre particelle più esotiche che non sono previste dal modello standard. I teorici hanno ipotizzato l’esistenza di tali particelle per decenni. La teoria della supersimmetria (SUSY), un’estensione del modello standard proposta agli inizi degli anni ’70, sostiene che ogni particella nota abbia una controparte, più pesante, chiamata ‘sparticella‘, e che le due particelle differiscono in un modo che può essere descritto dalla teoria. Si ritiene che una o più ‘sparticelle’ potrebbero rivelarsi come i costituenti della materia scura, quella enigmatica componente che costituisce oltre l’80 per cento della materia presente nell’Universo, e che non è descritta nel modello standard. Dunque, trovare queste superparticelle, assumendo che non siano troppo pesanti per essere prodotti ad energie raggiungibili da LHC, sarà uno degli obiettivi principali dei prossimi esperimenti che saranno condotti al CERN. Inoltre, si spera di ottenere dei risultati ancora più sorprendenti che forniscano preziosi indizi sull’esistenza, o meno, di dimensioni spaziali extra oltre a quelle a noi familiari.


Ricordiamo che lo scorso 29 Settembre 2014, il CERN ha celebrato i suoi 60 anni da quando è stata fondata l’organizzazione, come spiega il seguente video.

Un pensiero su “LHC, in attesa del grande ‘risveglio’”

I commenti sono chiusi.