Hot_Jupiter

WASP-94, due gioviani in una coppia di stelle

Una gruppo internazionale di astronomi guidati dai colleghi della Keele University hanno scoperto due esopianeti delle dimensioni di Giove che si trovano ciascuno in orbita attorno alle rispettive stelle che fanno parte di un sistema stellare binario. La maggior parte dei pianeti extrasolari noti orbitano attorno a stelle singole, come il Sole. Tuttavia, molte stelle fanno parte di sistemi binari, cioè stelle doppie che si sono originate dalla stessa nube di gas interstellare. Oggi, per la prima volta, i ricercatori hanno identificato due ‘gioviani caldi’ in una coppia di stelle.

L’immagine illustra un pianeta che orbita attorno ad una stella (in primo piano) che fa parte di un sistema binario. Nel sistema stellare binario WASP-94, un gioviano caldo transita davanti alla propria stella (WASP-94A) causando una diminuzione della luminosità, mentre l’altro gemello orbita attorno alla seconda stella (WASP-94B, in basso a sinistra nella) senza transitarle davanti: la sua presenza è stata rivelata dagli effetti gravitazionali che esso causa sulla stella compagna. Credit: ESO/L. Calçada/Nick Risinger

La survey WASP, che sta per Wide Angle Search for Planets, rappresenta l’esplorazione del cielo che ha portato maggiori successi nella scoperta di esopianeti della ‘taglia di Giove’. I ricercatori utilizzano il metodo del transito analizzando le variazioni di luminosità, o meglio le curve di luce, di centinaia di migliaia di stelle. Gli astronomi guidati dal gruppo della Keele University sono arrivati alla scoperta notando piccoli avvallamenti nella curva di luce di WASP-94A, il che implicava il transito di un gioviano davanti alla stella ospite, mentre i colleghi svizzeri hanno poi confermato non solo l’esistenza del gioviano in WASP-94A ma anche la presenza di un altro suo gemello che orbita attorno a WASP-94B. I pianeti gioviani si trovano molto più vicini alla loro stella rispetto a Giove e il periodo orbitale è tipicamente di pochi giorni. La scoperta, avvenuta in maniera fortuita, sembrerebbe rappresentare un caso improbabile dato che sono stati trovati due gioviani nello stesso sistema stellare. La domanda è: forse in WASP-94 esistono le condizioni ideali per formare gioviani caldi? Se fosse così, si tratterrebbe di un sistema stellare fondamentale per capire come mai questi pianeti giganti si trovano così vicini alla propria stella, dato che nelle sue vicinanze fa molto caldo. Secondo gli scienziati, ciò rimane ancora un mistero da svelare poichè gli esopianeti dovrebbero formarsi a distanze maggiori, dove le condizioni di temperatura sono tali che i ghiacci delle regioni più esterne del disco protoplanetario congelano formando così i protopianeti. Pare che qualcosa li debba muovere verso orbite più strette e più vicine alla stella e, forse, un meccanismo responsabile di questo movimento potrebbe essere legato all’interazione con un altro pianeta o con un’altra stella. Insomma, WASP-94 costituisce una sorta di laboratorio spaziale non solo per capire quali sono i processi fisici che tendono a spostare i pianeti giganti verso orbite più interne ma anche per studiare la composizione chimica delle atmosfere planetarie.

Keele University: Keele astronomers find 'cousin' planets around twin stars
WASP planets: WASP-94: “cousin” planets around twin stars
arXiv: WASP-94 A and B planets: hot-Jupiter cousins in a twin-star system