GBTSupercluster2_nrao

Laniakea, il superammasso di galassie che comprende la Via Lattea

Grazie ad una serie di osservazioni realizzate con il Green Bank Telescope (GBT) e altri strumenti, un gruppo di astronomi hanno determinato la posizione della nostra galassia nel contesto di un enorme superammasso di galassie denominato “Laniakea”, che nel linguaggio hawaiano vuol dire “immenso paradiso”. La scoperta permette di definire meglio i limiti del nostro vicinato galattico e di stabilire quali sono in definitiva i collegamenti, si fa per dire, tra i vari ammassi di galassie nell’Universo locale.

Two views of the Laniakea Supercluster. The outer surface shows the region dominated by Laniakea’s gravity. The streamlines shown in black trace the paths along which galaxies flow as they are pulled closer inside the supercluster. Individual galaxies’ colors distinguish major components within the Laniakea Supercluster: the historical Local Supercluster in green, the Great Attractor region in orange, the Pavo-Indus filament in purple, and structures including the Antlia Wall and Fornax-Eridanus cloud in magenta. Credit: SDvision interactive visualization software by DP at CEA/Saclay, France.

I superammassi di galassie sono le strutture cosmiche più grandi che conosciamo. Essi sono composti da gruppi, come il Gruppo Locale, contenenti a loro volta decine di ammassi di galassie, ognuno dei quali contiene singolarmente centinaia di galassie interconnesse secondo strutture a filamenti. Nonostante queste strutture siano collegate esse non hanno “bordi” ben definiti. Per realizzare allora una sorta di mappatura celeste, gli scienziati stanno lavorando ad un metodo che permette di esplorare queste enormi strutture galattiche analizzando gli effetti gravitazionali che esse esercitano sul moto delle galassie. Di fatto, se una galassia si trova nel mezzo di queste strutture essa sarà soggetta ad una sorta di ‘battaglia cosmica gravitazionale’ in cui il bilancio delle forze, dovuto proprio alla presenza delle strutture circostanti, influenzerà il moto stesso della galassia. Ora, grazie ad una serie di osservazioni realizzate con il radiotelescopio di Green Bank in collaborazione con altri telescopi, i ricercatori hanno costruito una mappa delle velocità delle galassie distribuite nel nostro vicinato, definendo così la regione dello spazio in cui regna il superammasso Laniakea. La Via Lattea si trova nelle regioni periferiche di questo superammasso che si estende per ben 500 milioni di anni-luce e contiene una massa pari a 100 milioni di miliardi di masse solari distribuita su circa 100.000 galassie. Questo studio ci permette di definire meglio il ruolo del Grande Attrattore, una anomalia gravitazionale dello spazio intergalattico che influenza il moto del Gruppo Locale e di altri ammassi di galassie. Infine, all’interno dei confini di Laniakea, si osserva che il moto delle galassie è diretto verso l’interno, allo stesso modo con cui l’acqua scorre giù verso la valle. Insomma, il Grande Attrattore è una sorta di immensa ‘valle gravitazionale piatta’ la cui sfera di attrazione si estende lungo il superammasso Laniakea.

NRAO: Newly Identified Galactic Supercluster Is Home to the Milky Way
Nature: The Laniakea supercluster of galaxies
arXiv: The Laniakea supercluster of galaxies

Maggiori info: http://irfu.cea.fr/laniakea