perseo_cluster

Osservata una riga di emissione ‘sconosciuta’ negli ammassi di galassie

Nell’immagine dell’ammasso di Perseo sono riportati, in basso a sinistra, i dati relativi all’intensità del flusso X in funzione dell’energia. Il segnale “misterioso” è indicato da un cerchio ed è centrato attorno al valore di 3.56 KeV. (Credit: Chandra: NASA/CXC/SAO/E.Bulbul, et al.; XMM: ESA)

Una serie di osservazioni realizzate con l’osservatorio spaziale Chandra dell’ammasso di Perseo hanno permesso agli astronomi di trovare un segnale interessante nella banda X. Il segnale è presente anche nei dati di altri 70 ammassi di galassie che sono stati osservati con il satellite XMM-Newton. In particolare, si tratta di una riga di emissione di alta energia, cioè uno “spike” centrato attorno al valore di 3,56 KeV che richiederà ulteriori analisi per capire quale sia la sua natura. Una delle possibili spiegazioni è che la riga di emissione possa essere dovuta al decadimento di neutrini sterili, un ipotetico tipo di particelle che non interagiscono con nessuna delle interazioni fondamentali del modello standard, proposte per spiegare la materia scura. Ora, questi risultati dovranno essere confermati da altre osservazioni per escludere ipotesi alternative e determinare così se è plausibile affermare che “abbiamo osservato” la materia scura. E’ anche vero, però, che esistono altre possibili spiegazioni sulla formazione della riga dovute, ad esempio, alla distribuzione della materia ordinaria all’interno dell’ammasso. Se questo fosse il caso, dovremmo rivedere alcune nozioni fondamentali di fisica atomica che riguardano le condizioni di temperatura estrema in cui si trova il gas negli ammassi.

Chandra X-ray Space Observatory: Perseus A: Mysterious X-ray Signal Intrigues Astronomers

arXiv: Detection of An Unidentified Emission Line in the Stacked X-ray spectrum of Galaxy Clusters

Un pensiero su “Osservata una riga di emissione ‘sconosciuta’ negli ammassi di galassie”

I commenti sono chiusi.