Swirling controversy. The purported swirls in the cosmic microwave background could in fact be a spurious signal from within our galaxy, a rumor suggests.

To B-mode or not to B-mode, that’s the question

Dopo un lungo processo di controllo, i ricercatori dell’esperimento BICEP2, che hanno annunciato qualche settimana fa di aver rivelato i modi B associati alla radiazione cosmica polarizzata (post), hanno ottenuto il via libera alla pubblicazione dei loro risultati sulla prestigiosa rivista Physical Review Letters.
bicep2_multipole
Power of CMB polarization modes decomposed into spherical harmonic modes (l). Higher l modes correspond to smaller angular scales of the sky. The BICEP signal is above expected backgrounds (solid line) for l less than about 150 and follows well the predicted shape of an inflationary signal (dashed line). Note that dust foreground effects are poorly constrained at the moment and could be significant. Credit: BICEP2

Nel loro articolo, i ricercatori forniscono alcune evidenze sperimentali a supporto del fatto che i segnali da loro identificati possano essere effettivamente il risultato della propagazione delle onde gravitazionali “primordiali” e che quindi possano rappresentare la “prima osservazione diretta” dell’inflazione cosmica, cioè quel periodo di rapida super espansione dello spazio che ha dato forma e volume all’Universo immediatamente dopo il Big Bang. Nonostante ciò, i risultati di BICEP2 sono controversi nell’ambito della comunità scientifica per il fatto che il “presunto segnale” possa essere invece un artefatto dovuto alle distorsioni create dalla polvere galattica (post con relativi aggiornamenti). I ricercatori proseguono facendo il punto sull’esperimento dopo avere ulteriormente analizzato i dati e affermano che non si può comunque escludere la possibilità che la polvere galattica possa essere in parte o completamente responsabile di un falso segnale che “imita”, per così dire, quello che ci si aspetta dal passaggio delle onde gravitazionali. Infine, essi concludono che ulteriori dati, come quelli che saranno pubblicati dall’esperimento Planck il prossimo autunno, potrebbero risolvere questa questione “amletica” su questa ricerca che possiamo ritenere, senza alcun dubbio, potenzialmente rivoluzionaria.

APS: Physical Review Letters Publishes BICEP2 Paper
Physical Review Letters: Detection of B-Mode Polarization at Degree Angular Scales by BICEP2
Physical Review Letters: Editorial: Signals from the Dawn of Time?
APS: Viewpoint: Peering Back to the Beginning of Time
APS: Focus: Theorists Weigh in on BICEP2
arXiv: BICEP2 I: Detection Of B-mode Polarization at Degree Angular Scales
arXiv: BICEP2 II: Experiment and Three-Year Data Set