JVAS B1938+666, una galassia estremamente distante composta di materia scura

Si tratta di una galassia satellite così remota che risulta appena visibile ai telescopi, il primo esempio di una struttura primitiva che potrebbe fornire nuovi indizi sulle proprietà della materia scura.

Denominata con la sigla JVAS B1938+666, la galassia si trova a a circa 10 miliardi di anni luce. Questa scoperta potrebbe fornire nuovi indizi per capire se esistono oggetti simili e/o per validare o meno alcune teorie sull’evoluzione delle strutture cosmiche. Secondo il modello sulla formazione delle strutture cosmiche, le galassie sono circondate da aloni di materia, così come avviene nel caso delle galassie satelliti della Via Lattea, e finora non era mai stato osservato nulla di simile in galassie così distanti. Dato che la maggior parte della massa delle galassie è composta di materia scura che non emette o assorbe luce, questi oggetti distanti devono essere molto deboli o addirittura devono risultare completamente ‘invisibili’. Questi risultati ci permettono di avere nuove informazioni su ciò che gli astronomi si aspettano sulle proprietà ed il comportamento della materia scura in termini delle simulazioni numeriche relative allo studio della struttura su larga scala dell’Universo.

arXiv: Gravitational detection of a low-mass dark satellite at cosmological distance
Pubblicità