WISE rivela milioni di buchi neri e ‘hot DOG’

La missione spaziale Wide-field Infrared Survey Explorer (WISE) ha permesso di rivelare recentemente una notevole quantità di buchi neri supermassicci e galassie ‘hot DOGs’ (Dust Obscured Galaxies).

Le immagini realizzate dal telescopio spaziale per raggi-infrarossi mostrano milioni di candidati buchi neri mascherati dalle polveri e circa un migliaio di oggetti che si possono considerare tra le galassie più brillanti mai osservate. “WISE ha messo in luce tutta una serie di oggetti nascosti dalle polveri cosmiche”, spiega Hashima Hasan, James Webb Space Telescope program scientist presso la NASA Headquarters a Washington“Abbiamo trovato un asteroide che ‘danza’ davanti all’orbita terrestre, oggetti di tipo stellare a bassissima temperatura e ora buchi neri supermassicci e galassie brillanti celati dalle polveri”. Queste ultime scoperte stanno aiutando gli astronomi a capire meglio come si formano ed evolvono le galassie e i buchi neri che risiedono nei loro nuclei. In uno dei progetti scientifici che sono stati proposti, gli astronomi hanno utilizzato WISE per identificare circa 2,5 milioni di buchi neri supermassicci in piena attività fino a distanze superiori a 10 miliardi di anni-luce. Circa il 70% di questi oggetti non sono mai stati rivelati in precedenza a causa della polvere che blocca la luce. Nonostante ciò, WISE è stato in grado di farlo poichè la materia che si accresce attorno ai buchi neri viene riscaldata e quindi può essere facilmente rivelata nella banda dell’infrarosso. Per quanto riguarda le galassie, si tratta di oggetti estremamente brillanti che possono emettere una quantità di luce più di 100 trilioni di volte quella del Sole. Le galassie sono completamente immerse nelle polveri e possono essere rivelate solamente a lunghezze d’onda molto lunghe della banda dell’infrarosso. Grazie anche alle immagini catturate dal telescopio spaziale Spitzer è stato possibile rivelare la presenza di buchi neri supermassicci e una elevata attività di formazione stellare. “Queste galassie immerse nelle polveri sono estremamente attive e rare allo stesso tempo. Abbiamo dovuto esplorare l’intero cielo prima di osservarle” spiega Peter Eisenhardt project scientist di WISE presso il JPL“Inoltre abbiamo evidenze che le galassie hanno dato vita ai loro buchi neri prima che si sono formate la maggior parte delle stelle. In altre parole, le uova sono nate prima delle galline”. Altre immagini ottenute combinando le osservazioni del Caltech’s Submillimeter Observatory a Mauna Kea suggeriscono che queste galassie sono almeno due volte più luminose rispetto alle altre galassie brillanti rivelate nell’infrarosso. Gli astronomi ritengono che una spiegazione sia legata alle polveri che vengono riscaldate dall’estrema attività dei buchi neri. Forse stiamo osservando una nuova e rara fase di evoluzione galattica.

ArXiv 1: Mid-Infrared Selection of AGN with the Wide-Field Infrared Survey Explorer. I. Characterizing WISE-Selected AGN in COSMOS

ArXiv 2: The First Hyper-Luminous Infrared Galaxy Discovered by WISE

ArXiv 3: Submillimeter Follow-up of WISE-Selected Hyperluminous Galaxies