Il ‘super vento’ stellare: mistero risolto?

stellar_superwindUn gruppo di astronomi, guidati da Barnaby Norris dell’Università di Sydney in Australia, ritengono di aver trovato la risposta al mistero del ‘super vento’ stellare che rappresenta, secondo gli scienziati, una delle cause che determina la morte delle stelle [press release].

Grazie ad una serie di osservazioni condotte in Cile con il Very Large Telescope dell’ESO, i ricercatori hanno studiato un insieme di stelle giganti analizzando i venti di gas e polveri che emergono dalla superficie delle stelle. Le stelle come il Sole muoiono rilasciando un super vento che ha una intensità di circa 100 milioni di volte superiore rispetto al vento solare. Il vento stellare viene emesso per un periodo di 10 mila anni e causa la perdita di almeno il 50% della massa della stella, un po’ quello che accadrà alla nostra stella tra circa 5 miliardi di anni. Ora, la causa di questo fenomeno è rimasta da sempre un mistero. Gli scienziati assumono che tali venti siano guidati da minuscoli granelli di polvere, essenzialmente silicati, che si formano nell’atmosfera stellare assorbendone la luce. A sua volta, la luce stellare spazza via i granelli che migrano verso le regioni più esterne. Tuttavia, i modelli dimostrano che questo meccanismo non è soddisfacente. I grani di polvere diventano troppo caldi ed evaporano prima che essi possano essere spazzati via. Ciò che si ritiene, invece, è che i granelli diventano sempre più grossi: infatti, lo studio ne riporta alcuni di dimensioni fino a qualche micrometro, valori enormi dal punto di vista dei venti stellari. Grani di queste dimensioni si comportano come specchi e perciò riflettono la luce stellare anziché assorbirla. Ciò fà si che i grani non vengono più surriscaldati e quindi la radiazione stellare li può respingere senza distruggerli. Insomma, questa spiegazione potrebbe essere la soluzione del mistero dei super venti stellari.

[Abstract: A close halo of large transparent grains around extreme red giant stars]