Oceani su mondi alieni

Un esempio di riflettività degli oceani.
Credit: NASA

Rivelare l’acqua sulla superficie di un pianeta extrasolare sta diventando una priorità per la ricerca dato che, almeno per quanto ne sappiamo, essa rappresenta un elemento essenziale per l’abitabilità di un pianeta. Oggi, un nuovo studio esamina la possibilità che la riflettività della superficie di un mondo alieno possa essere interpretata come una chiara evidenza della presenza di oceani.

Gli scienziati che si occupano di scienze planetarie stanno sviluppando tutta una serie di metodi per rivelare la presenza di acqua sulla superficie di un esopianeta, visto ormai il grande numero di oggetti che orbitano nella cosiddetta “zona abitabile” dove si ritiene che l’acqua possa esistere allo stato liquido. Uno di questi metodi si basa sulla riflessione speculare, nota anche come “luccichio” (glint), simile a quello dovuto alla riflessione della luce solare sulla superficie di un lago o di un mare. Ora, la presenza di oceani sulla superficie di un pianeta alieno può determinare una riflettività apparente, nota come albedo. Secondo questo metodo, non è necessario osservare l’intero “disco” del pianeta, cioè quando esso riflette la luce in maniera simile a quella che viene riflessa dal nostro satellite naturale durante la fase di Luna piena, bensì è possibile rivelare la riflettività della superficie anche durante una fase parziale della sua orbita, per esempio durante la fase crescente. In questo caso ci si aspetta, secondo i calcoli eseguiti da Nicolas Cowan della Northwestern University, che l’albedo aumenti, un segnale che potrebbe indicare la reale presenza di acqua liquida sulla superficie del pianeta.

ArXiv: A false positive for ocean glint on exoplanets: The latitude-abedo effect

1 commento su “Oceani su mondi alieni”

I commenti sono chiusi.