Quando due stelle di neutroni ‘collidono’

Simulazione della collisione di due stelle di neutroni che danno luogo a un gamma-ray burst.

Una nuova simulazione realizzata con i supercomputer mostra che la collisione di due stelle di neutroni produce una struttura complessa di campi magnetici che accelerano le particelle ad altissime velocità dando luogo ai burst di alta energia, noti come gamma-ray burst. Questo studio fornisce nuovi e dettagliati indizi sulle forze che guidano le esplosioni più energetiche che conosciamo attualmente nell’Universo.

Credit: NASA/AEI/ZIB/M. Koppitz and L. Rezzolla

Le immagini mostrano il processo di fusione di due stelle di neutroni realizzato con i supercomputer. I colori più rossi indicano regioni di densità più bassa. Le strutture a filamenti rappresentano, con i colori verde e bianco, i campi magnetici. Le stelle di neutroni mentre orbitano l’una attorno all’altra perdono energia emettendo onde gravitazionali e arrivano alla fusione dopo circa tre orbite, in meno di 8 millisecondi secondo questo modello. Alla fine del processo si forma un buco nero e la struttura del campo magnetico appare più amplificata e più ordinata e può essere accompagnata da strutture a forma di getti che sono responsabili dei gamma-ray burst di breve durata.

2 pensieri riguardo “Quando due stelle di neutroni ‘collidono’”

I commenti sono chiusi.